Glossario welfare

Il Glossario del welfare: Modularità contributiva

21 Luglio 2021

La modularità contributiva, anche chiamata contribuzione modulare, aggiuntiva oppure contribuzione volontaria o facoltativa, è una contribuzione ulteriore a quella soggettiva di base che gli iscritti ad una cassa di previdenza per i liberi professionisti possono versare volontariamente per aumentare la pensione.

Come i fondi pensione negoziali per i lavoratori dipendenti, la contribuzione modulare per i liberi professionisti è quindi uno strumento offerto dalla cassa di previdenza di appartenenza per integrare la pensione futura.

Il vantaggio di questo versamento è duplice:

  • fiscale, perché il contributo aggiuntivo versato è interamente deducibile dal reddito, senza alcun tetto massimo 

  • previdenziale, perché si avrà diritto ad una pensione più alta rispetto quella di base.

Poiché non tutte le casse prevedono la modularità contributiva, si consiglia di chiedere al proprio ente di appartenenza se è prevista la possibilità di versare questa tipologia di contribuzione e quali sono le modalità per farlo.

Le casse che la prevedono, infatti, hanno modalità differenti per effettuare i versamenti: alcune prevedono che avvenga innalzando la percentuale prevista per il contributo soggettivo, altre con somme fisse stabilite dal professionista. 

Ogni singola cassa ha degli appositi regolamenti in cui sono definite modalità, limiti e tempi per questi versamenti.

 

Per maggiori informazioni sulla contribuzione alle casse di previdenza vai alla pagina dedicata del portale.

Ti potrebbe interessare...

Mefop Spa - Via Aniene, 14 - 00198 Roma - P.iva 05725581002